Carissimi/e amici/che,

Il Cipax desidera porgerVi i più fervidi auguri per le prossime festività. Il prossimo anno sarà per noi molto significativo.

Ricorre infatti l' 800° anniversario dell'incontro tra Francesco d'Assisi e il Sultano Melek-el Kamil nei pressi di Damietta.

Dopo la terribile sconfitta dell'esercito cristiano del 31 agosto 1219, finalmente Francesco riuscì a raggiungere il Sultano.

Per due settimane discussero amichevolmente: pur di religioni differenti non si consideravano nemici, ma amici.

"I Saraceni -scrisse Francesco- sono nostri amici e noi li dobbiamo amare molto".

La categoria della Crociata era destinata ad essere abolita, come quella del nemico.

A Natale è consuetudine delle nostre città e di molte famiglie realizzare un presepio.

Anche questa è un'invenzione geniale di Francesco, per invalidare la guerra per conquistare la Terra Santa.

Così nel 1223 Greccio, con una capanna e con personaggi e animali vivi e veri, divenne la nuova Betlemme.

Di fronte al presepe ricordiamo il suo profondo significato di contestazione della guerra e della violenza.

Il Centro Interconfessionale della Pace, con il Presidente islamico e la direttrice cristiana, Vi fa tanti auguri di pace.

Fraternamente Adnane Mokrani e Cristina Mattiello
 

***


ARCHIVI del sito

ARCHIVIO FOTOGRAFICO

E' stato caricato sul sito l'archivio fotografico storico del Cipax (1981-2005), che è stato digitalizzato e messo a disposizione cliccando qui.

ARCHIVIO REGISTRAZIONI AUDIO

E' presente anche sul sito un archivio delle registrazioni audio realizzate da Gianni Novelli in ambito Cipax e Comunità cristiana di base di san Paolo.
E' accessibile a questo link:

http://www.cipax-roma.it/Audio 1978_2009.html


PENSARE LA PACE

O con il decreto sicurezza o con il Vangelo

Possiamo dire che oggi è una giornata di lutto nazionale per l’approvazione definitiva alla Camera del decreto sicurezza.

Da credenti, prendiamo le distanze dalle politiche di odio e razzismo di questo governo e, quindi, dissentiamo fortemente da questa neonata legge, come ha già scritto Alex Zanotelli (direttore responsabile) sulla nostra rivista: Non si può essere discepoli di Gesù e di chi semina odio. O l’uno o l’altro (editoriale di settembre).

Da cittadini, siamo fortemente preoccupati per le conseguenze del decreto. E pensare che la Dichiarazione dei diritti umani celebra, tra pochi giorni, in questa triste atmosfera, il suo settantesimo compleanno!

Niente protezione umanitaria, niente iscrizione anagrafica e quindi esclusione da ogni servizio pubblico collegato alla residenza, esclusione all'iscrizione al servizio sanitario nazionale, per la gran parte dei migranti presenti nel nostro paese: spieghiamo le ragioni del nostro dissenso e di quanto prevede la nuova legge in un articolo di Oliviero Forti (Caritas italiana) pubblicato nel numero di novembre di Mosaico di pace che si può leggere integralmente nel sito: https://www.mosaicodipace.it/mosaico/a/45840.html

La redazione di Mosaico di pace
Via Petronelli n.6
76011 Bisceglie (BT)

*****

***

Archivio degli articoli pubblicati >>